arance-libera

Progetto Legalità

La merenda che fa bene” è una novità nell’ambito delle iniziative per il progetto di educazione alla legalità “Libera la tua terra”. Si è tenuta ieri, mercoledì 5 febbraio, ed è stata un’occasione di riflessione sui temi della legalità per alunni e studenti  accompagnata da una merenda con le arance bio; l’iniziativa, oltre ai docenti e ai genitori, ha visto la partecipazione dell’assessora alla Pubblica istruzione Ivana Palomba. Complessivamente sono stati utilizzati 1100 chilogrammi di arance.

Sono invece 6058 i chilogrammi di arance bio coltivate nei terreni confiscati alla mafia dalla cooperativa Beppe Montana, distribuiti in totale a Scandicci nell’ambito delle iniziative per il progetto di educazione alla legalità “Libera la tua terra”.

L’iniziativa vede coinvolti gli studenti di Scandicci impegnati nello scambio con i coetanei e nelle visite ai terreni della cooperativa antimafia a Lentini.

Per quanto riguarda l’iniziativa per la raccolta fondi Vitamina per la scuola, anche la nona edizione è rivolta agli studenti, ai genitori, al personale delle scuole e a tutti i cittadini, e consiste nell’acquisto di una o più confezioni di arance in retine da 3 kg al prezzo di 5,50 euro (di cui 1,40 devoluti alla scuola) e in cassette da 7 kg al prezzo di 12 euro (di cui 3 devoluti alla scuola); le arance in vendita sono di qualità tarocco e moro. I beneficiari della raccolta fondi sono l’istituto Russell Newton, l’istituto Sassetti-Peruzzi e i Comitati genitori dei tre comprensivi per finanziare le attività progettuali delle scuole.

Le iniziative di Libera la tua terra 2020 avranno il loro culmine domenica 16 febbraio 2020 con la Passeggiata della legalità e proseguiranno fino ad aprile.

Libera la tua terra”: il Villaggio della legalità, la mezza maratona

Siamo ormai prossimi alla mezza maratona, che spicca nell’ambito del programma per la sensibilizzazione alla legalità che da nove anni vede il comune di Scandicci in prima linea, avendo peraltro stretto un rapporto di collaborazione con l’associazione Libera presieduta da Don Luigi Ciotti.

Intanto domani, sabato 15 febbraio, in piazza Resistenza sarà allestito il Villaggio della legalità.

Come detto, si avvicina dunque l’appuntamento più partecipato del progetto, domenica prossima 16 febbraio dalle 9 alle 13: la mezza maratona, corredata dalla Passeggiata di 5 km “Di corsa contro le mafie” a sostegno delle attività economiche sui terreni confiscati alle mafie, dalla corsa non competitiva di 11 km, dalla mini run di 1 km e dalla  walking di 5 km). La mini run è connotata dalla collaborazione con l’associazione Zona Debullizzata e dalla finalità del contrasto al bullismo.

Per info e iscrizioni per gara agonistica, minirun e walking: Il Ponte Scandicci asd podistica, 3287052869, www.mezzamaratonascandicci.it .

Punti di iscrizione per passeggiata e acquisto maglietta (10 euro): al Villaggio della Legalità, piazza Resistenza, sabato 15 febbraio 2020 dalle 10 alle 18 e domenica 16 febbraio dalle 9 alle 13.

Cena legalità

Vitamine per la scuola” ieri sera 14 febbraio 2020, si è tenuta la Cena della legalità. Un evento che ha visto coinvolti tanti ragazzi, i nostri alunni che hanno avuto il piacere di condividere un esperienza con i loro coetanei siciliani. 
Un ringraziamento di cuore anche a tutti i docenti ,ai dirigenti scolastici delle scuole coinvolte, all’amministrazione comunale che con passione hanno contribuito a dare slancio a questo evento.
GENSPI era presente e vogliamo condividere con tutti voi alcuni momenti.

Post correlati

Cosa possiamo realizzare grazie al tuo 5 x 1000?

Anche grazie al 5 x 1000 potremo continuare ad affiancare la scuola nel realizzare i progetti didattici.

Organizzare attività extrascolastiche a sostegno delle famiglie che lavorano

Continuare a sostenere le famiglie con il supporto alla didattica a distanza

Avviare attività educative e culturali, organizzare convegni e iniziative a tema, utili ad alunni, genitori e docenti.

Cos’è il 5 x 1000?

Il 5×1000 è la quota del Reddito delle Persone Fisiche (IRPEF) che ognuno di noi può decidere di destinare, al momento della dichiarazione dei redditi, a favore di “organizzazioni non lucrative di utilità sociale”. Anche i contribuenti esonerati dalla presentazione della dichiarazione possono scegliere di destinare il cinque per mille dell’Irpef, utilizzando l’apposita scheda allegata allo schema di certificazione unica.

Donare il 5 x 1000 non costa nulla.

Non è un’imposta aggiuntiva e non si somma al totale dell’IRPEF. Se decidi di non firmare, la stessa quota del 5×1000 resta allo Stato, essendo una quota d’imposta a cui lo Stato rinuncia.

RIMANIAMO IN CONTATTO

Iscriviti alla nostra newsletter

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo. Maggiori informazioni